RAPPORTO TRA PRESBITERI E DIACONI PERMANENTI
Per una riflessione sulla situazione del Diaconato permanente nella Diocesi di Roma

di Vincenzo Apicella, vescovo ausiliare

Premessa

"Affinché le funzioni dei sacri ordini, dal diaconato all'ostiariato, lodevolmente in vigore fin dall'epoca apostolica, e cessate da tempo in molti luoghi, possano essere richiamate in uso secondo i sacri canoni e perché non siano dichiarate inutili dagli eretici, il Sacro Concilio, desiderando ardentemente il ripristino dell'antica disciplina, decreta che in avvenire detti ministeri siano esercitati solo da coloro che sono costituiti nei rispettivi ordini; esorta e prescrive nel Signore che tutti e singoli i prelati delle chiese, per quanto opportunamente può essere fatto, abbiano a ripristinare simili funzioni nelle chiese cattedrali, collegiate e parrocchiali della propria diocesi."

Si tratta del canone 17 della XXIII sessione del Concilio di Trento, che anche in questo appare come il grande Concilio pastorale che ha impostato la Riforma della Chiesa, opera mai conclusa, perché suscitata e guidata sempre dallo Spirito del Signore Risorto.

Con questo canone Trento ripristina il diaconato cosiddetto "permanente", anche se nel contesto di una teologia dell'Ordine Sacro suscettibile di ulteriori sviluppi e approfondimenti; dico "cosiddetto" perché ad un presbitero che gli chiedeva se fosse un diacono permanente. uno di questi rispose chiedendo, a sua volta, se anch'egli fosse un presbitero permanente e non temesse più di essere ordinato vescovo. Nella nostra Diocesi esiste il caso di un diacono "permanente" celibe che ha ricevuto l'ordinazione sacerdotale, e questo può avvenire anche più frequentemente nelle Chiese cattoliche di rito orientale in cui esiste il sacerdote uxorato.

D'altra parte la nostra chiesa di Roma è l'unica ad aver mantenuto sempre, nel corso della storia, la presenza stabile del Diaconato nella forma nota a tutti dei Cardinali Diaconi, titolari delle antiche e gloriose diaconie romane.

Questi pochi cenni vogliono solo mostrare che il nostro argomento odierno ha una lunga storia e non è un lusso superfluo, nÚ un capitolo secondario della nostra riflessione di Consiglio presbiterale.

Certo, non è possibile e forse non è necessario in questa la sede sviluppare una teologia del Diaconato, ma desidero ricordare che nell'Atto costitutivo del Diaconato permanente nella Diocesi di Roma si legge "con la restaurazione del Diaconato permanente lo Spirito Santo offre il dono del ripristino di una struttura sacramentale della Chiesa, la quale, secondo S. Ignazio, non può essere senza vescovi, presbiteri e diaconi, e quindi di una abbondante ricchezza di grazie sacramentali per una maggiore efficacia nella sua missione di salvezza. Il diacono, in particolare, è "segno sacramentale e quindi rappresentante ed animatore della vocazione al servizio proprio di Cristo e della Chiesa, sua sposa, chiamata anche essa a servire e a dare la sua vita in redenzione di molti (Riv.Dioc. 82, pag.. 1294)

E, più avanti, "il ministero diaconale è, come quello presbiterale, una partecipazione al ministero del Vescovo al quale appartiene in pienezza quella diaconia che è finalizzata alla glorificazione del Padre e alla salvezza di tutti gli uomini. Come tale ha un posto ed un compito specifici, come pure una propria garanzia sacramentale al di là dell'eventuale funzione di supplenza alla scarsità di clero" (Ibid.,pag. 1295).

Si potrebbe forse precisare maggiormente dicendo che il Ministero è uno solo, quello del Vescovo, che partecipa ai suoi collaboratori, presbiteri e diaconi, la grazia dello Spirito Santo.

Questo, e tutto il resto, consente di affermare che una chiesa locale, leggi diocesi e parrocchia (S. C. 41 -42), senza diacono è un corpo menomato e amputato, privo di un elemento costitutivo della sua stessa struttura.

Il Diaconato romano

L'Atto costitutivo è del 198, anno dell' Ordinazione del primo diacono permanente della Diocesi, da allora si sono avute in totale 67 ordinazioni, di cui 4 di celibi. Nel frattempo sono deceduti 5 diaconi. 1 è stato ordinato presbitero e 3 si sono spostati fuori diocesi per motivi di lavoro. Risiedono invece a Roma 2 diaconi permanenti di altre diocesi ed uno di rito armeno.

Sono 50 le parrocchie che dispongono di uno o più diaconi; in particolare una parrocchia ne conta 4, 9 svolgono incarichi in ambito diocesano.

L'età media è di 56 anni, 24 sono tra i 46 e i 55 anni.

I pensionati sono 22, gli impiegati 25, gli insegnanti 8, 2 i dirigenti, i medici e i militari, 1 artigiano. I laureati sono 18, i diplomati 25.

Attualmente sono in fase di formazione 28 aspiranti, di cui 8 hanno ricevuto l'Ammissione agli Ordini, per 6 dei quali è in programma l'Ordinazione nel 2000.

Dando uno sguardo all'andamento delle Ordinazioni riportato nella tabella qui riprodotta e tenuto conto degli altri fattori, emerge un primo dato problematico: se si mantengono questi valori il Diaconato romano è destinato ad attestarsi su una media di circa 80 diaconi in tutta la Diocesi, con un ruolo del tutto marginale, se non addirittura simbolico. Da noi quindi dipende il rilancio o l'affossamento di questa realtà sacramentale.

I problemi che ci troviamo di fronte non sono piccoli nÚ semplici, prover˛ a descriverli seguendo l' iter di un ipotetico candidato.

Si accede alla formazione al Diaconato su presentazione del parroco. Qui occorre rilevare la prima opportunità che il Diaconato offre a tutta la Chiesa: la capacità di individuare e di svolgere un ruolo attivamente propositivo nei confronti di una vocazione all'Ordine sacro. Questo avviene normalmente dove la pastorale assume una dimensione vocazionale, quando cioè essa tende a promuovere nei fedeli la consapevolezza che in forza del Battesimo, ma specialmente della Cresima, tutti sono chiamati e consacrati a svolgere nella Chiesa e nel mondo quel ruolo e quella missione irripetibile che il Signore affida a ciascuno. In questo tipo di pastorale la crescita di una vocazione stimola e fa crescere anche le altre, compresa quella al Presbiterato.

Prima di presentare il candidato il parroco si trova di fronte almeno tre ambiti di riflessione e giudizio.

Innanzitutto la persona: essa deve già svolgere una diaconia di fatto nella vita parrocchiale, deve rispondere a quelle caratteristiche di maturità umana, di equilibrio, di apertura agli altri, di fede adulta che opera nella carità, che eviteranno di fare del futuro diacono un sagrestano maggiorato o un prete dimezzato, luogo comune spesso ripetuto tra noi.

Inoltre la famiglia nel caso del diacono sposato, la moglie ed i figli saranno coinvolti profondamente nella formazione e nell'esercizio del ministero ed un sacramento non può essere dato a detrimento di un altro, se non sussiste una condivisione piena della scelta l'itinerario è pregiudicato in partenza. Anche la situazione lavorativa o professionale deve consentire una sia pur piccola possibilità di intraprendere il cammino.

Infine la comunità parrocchiale: il discernimento della vocazione diaconale è tanto più sicuro quanto più diventa discernimento comunitario e la parrocchia tutta sarà chiamata ad accompagnare il candidato.

Il ruolo del parroco, tuttavia, non può fermarsi a questo momento iniziale, pena il ritrovarsi, poi, in spiacevoli ed a volte conflittuali situazioni, quali si sono verificate negli ultimi anni, tra parroci e responsabili della formazione. Per questo si è stabilito che i formatori sono obbligati a confrontarsi il più frequentemente possibile con i parroci per verificare insieme l'andamento dell'iter formativo.

Si è proceduto a rivedere il cammino formativo che attualmente consiste in cinque anni, fino all'Ordinazione, più uno successivo.

In una prima fase, che dura normalmente due anni, la formazione teologico- spirituale- pastorale viene incentrata sulla persona di Cristo (primo anno) e sulla Chiesa (secondo anno); dal secondo anno si iniziano anche gli studi teologici presso una delle Università pontificie. Questa fase si conclude con il discernimento per l'ammissione tra i candidati. A questo punto il discernimento, fatto dal Vescovo, dal Delegato, dal Parroco e dai formatori, presupposto naturalmente l'autodiscernimento del candidato, dovrà essere sufficientemente sicuro e motivato per evitare, tranne in casi straordinari ma pur sempre possibili, esclusioni tardive sempre dolorose per tutti.

Nel terzo anno la formazione è focalizzata sulla Parola di Dio e si conclude con il conferimento del Lettorato.

Il quarto anno ha come tema la Carità nei suoi molteplici aspetti e si conclude con il conferimento dell'Accolitato.

Il quinto anno è focalizzato sui Sacramenti, a partire dai loro praenotanda, ed in particolare quello dell'Ordine e si conclude con il discernimento conclusivo per l'Ordinazione.

Nel primo anno dopo 1'Ordinazione è previsto un approfondimento su specifici ambiti pastorali e sull'amministrazione dei beni ecclesiastici.

Nel primo anno di formazione, che si considera propedeutico, il cammino prevede due incontri settimanali, che si riducono ad uno, il venerdì, quando, nel secondo anno, si iniziano gli studi teologici. Gli incontri del venerdì sviluppano temi integrativi o complementari rispetto a quelli trattati in sede universitaria, in quanto volti a cogliere lo specifico del Diaconato.

Sono finalizzati alla formazione spirituale i ritiri e le convivenze. che si susseguono con cadenza mensile, oltre a qualche incontro personalizzato con i formatori nell'ambito familiare.

Dal momento dell'Ammissione il candidato è affiancato da un "garante , che ne accompagna il graduale inserimento.

All'itinerario formativo è sempre richiesta la piena adesione delle mogli e si sta sviluppando un'attenzione più sollecita anche nei riguardi dei figli, se minori.

Tutto questo è certamente impegnativo, ma tende ad assicurare una solida formazione in tutti gli ambiti in cui il diacono svolgerà il suo ministero, che si estende all'intero triplice munus del Sacramento dell'Ordine

Il problema emergente a questo riguardo è quello di giungere a cammini il più possibili personalizzati, per evitare che possano frequentano solo impiegati statali e pensionati, ma questo dipende anche da esigenze esterne, come ad esempio gli orari rigidi delle facoltà teologiche.

Vale la pena riportare a questo punto quanto è affermato dal Direttorio pontificio di recente emanazione "Spetta soltanto ai vescovi, i quali reggono ed hanno cura delle chiese particolari, conferire ad ognuno dei diaconi l'ufficio ecclesiastico a norma del diritto.., è di grandissima importanza che i diaconi possano svolgere il loro ministero in pienezza, nella predicazione, nella liturgia e nella carità, e non vengano relegati ad impegni marginali, a funzioni meramente suppletive, o a impegni che possono essere ordinariamente compiuti dai fedeli non ordinati. Solo così i diaconi permanenti appariranno nella loro vera identità di ministri di Cristo e non come laici particolarmente impegnati nella vita della Chiesa.

Per il bene del diacono stesso e perché non ci si abbandoni all'improvvisazione, è necessario che l'ordinazione si accompagni ad una chiara investitura di responsabilità pastorale (n.40).

Il diacono quindi è chiamato a svolgere il suo ministero anzitutto a partire dalla sua incardinazione diocesana "l'incardinazione è un vincolo giuridico che ha valore ecclesiologico e spirituale in quanto esprime la dedicazione ministeriale del diacono alla Chiesa (Direttorio n.2). Questo richiede e presuppone un forte legame con il Vescovo, come viene dalla Tradizione divina del N.T. (Epistole pastorali) e della Chiesa dei Padri. Poiché solo il Vescovo gli conferisce la missione canonica, anche in ambiti non strettamente parrocchiali.

Nel documento istitutivo dell'82 si diceva: "durante il cammino che la Diocesi ha fatto in questi anni si è sempre più chiaramente avvertita l'esigenza di una promozione comunitaria del Popolo di Dio e di una più diffusa evangelizzazione, mediante una più penetrante presenza pastorale, sul piano familiare, scolastico, di ambienti di lavoro e di categoria, di quartiere e di caseggiato ecc.

Ebbene il ripristino del Diaconato dovrebbe poter contribuire a risolvere problemi tanto delicati e complessi (Riv.Dìoc. 82,pag. 1295).

Ancora più specificamente :"si va sempre più affermando nella nostra Chiesa locale il bisogno di una "pastorale degli ambienti che raggiunga le persone là dove vivono e lavorano, per portare ad esse l'annuncio del vangelo e consentire loro più viva esperienza di Chiesa. Anche in questi luoghi la presenza e l'azione di un diacono scelto e inviato dal Vescovo potrebbe essere un prezioso anello di congiunzione tra chi ha la piena ed ultima responsabilità della Chiesa e i gruppi-movimenti di ambiente (Ibid.,pag. 1296).

Come si vede le emergenze attuali sono lungi dall'essere nate oggi.

Resta il problema di specificare la funzione diaconale senza fame il surrogato di un presbitero o l'usurpatore di ciò che compete alla missione dei laici.

Per contribuire ad inserire il Diaconato in una pastorale diocesana a più largo respiro è stata costituita quest'anno, in modo informale, una Commissione di presbiteri, che possa assicurare un collegamento stabile e organico con la vita della Diocesi, evitando il ripiegamento e la chiusura in recinti per specie protette o in riserve di caccia. Di questa Commissione fanno parte un parroco, il preside dell'Ecclesia Mater, un responsabile di ciascuno dei tre settori pastorali, un esperto della pastorale del lavoro ed un prete operaio pensionato. Già si prevede per il prossimo anno l'impiego di diaconi nel Centro diocesano per il Catecumenato. Già 9 hanno incarichi diocesani ed altri sono stati impegnati come formatori dei missionari per gli ambienti.

Normalmente, comunque, il diacono torna ad esercitare il suo ministero nella parrocchia di provenienza e qui il parroco, ammesso che sia lo stesso che ha presentato il candidato, si trova a dover rispondere all'altra grave domanda: cosa fargli fare?

La risposta ci potrebbe essere fornita dal semplice richiamo al principio di sussidiarietÓ, ma forse, ancora prima, occorre che il diacono sia accolto per quello che è, come membro a pieno titolo della gerarchia, tant'è che, come dice il Direttorio: "i suoi atti e le sue dichiarazioni impegnano la Chiesa (n. 52).

Per il resto basterebbe porsi il problema che si presentò agli Apostoli se andiamo a leggere il cap.6 degli Atti, proseguendo magari fino ai cap.8. A quel punto i presbiteri potrebbero trovare molto più tempo "per la preghiera e la diaconia della Parola (At.6,4) e le nostre parrocchie potrebbero diventare veramente missionarie, come la prima parrocchia di Gerusalemme.

[1 recente Direttorio descrive l'estensione dell'opera dei diaconi per quanto riguarda la Diaconia della Parola nei nn.23-27, partendo dal Rito dell'Ordinazione in cui viene consegnato al diacono il Libro degli Evangeli; per la Diaconia della Liturgia nei nn.28-36, ricordando che la Liturgia è "culmine e fonte della vita e dell'azione della Chiesa, e forse per questa visibilità il diacono viene spesso identificato come chi si pavoneggia sul presbiterio in dalmatica o stola di traverso per la Diaconia della Carità nei nn.37-38, richiamando L.G.29, che descrive i diaconi come soprattutto "dediti agli uffici di carità e di amministrazione".

L'unico problema sarebbe che non possono essere ministri dell'Unzione degli Infermi, poiché quanto a confessare e presiedere l'Eucaristia si ricorda che a Roma risiedono circa 6000 presbiteri, di cui meno di 1000 sono in cura d'anime, senza contare una cinquantina di cardinali e più di un centinaio di vescovi.

Certo, il diacono non è un viceparroco, poiché ha un suo lavoro ed una sua famiglia, ma questo, se comporta una limitazione della disponibilità di tempo, apporta una ben maggiore ricchezza alla pastorale del clero parrocchiale.

4. Formazione permanente.

Tutti i diaconi e le loro mogli sono invitati a partecipare a sei incontri annuali di formazione permanente, di cui tre in forma di Ritiro spirituale. A questi si aggiunge una convivenza e l'incontro di fine anno col Cardinal Vicario.

Concorre alla formazione permanente anche la partecipazione ad iniziative promosse da "Il Diaconato in Italia", quali convegni regionali, seminari ed il convegno triennale di Assisi.

E' programmato anche un periodo biennale intensivo di formazione permanente sul modello delle settimane residenziali per i presbiteri.

Occorre dire che in questo ambito emergono problemi di scollamento e di isolamento simili a quelli che si notano nel contesto presbiterale.

La formazione permanente, il collegamento tra i diaconi, i problemi inerenti al loro ministero, la promozione del Diaconato sono affidati ad un Comitato di Coordinamento, composto da 10 diaconi in rappresentanza dei Settori diocesani

Per concludere. Il Sacramento del Diaconato è un'opportunità offerta dallo Spirito alla nostra Chiesa cui occorre dar credito, non nascondendosi le difficoltà implicite in un ministero che è stato definito come "cerniera o "ministero della soglia In quanto tale esso rischia continuamente di essere risucchiato in alto o in basso, a seconda che si accentuino certe forme di "clericalizzazione , nel senso peggiorativo del termine, o di "marginalizzazione , riservando ai presbiteri la precedente categoria dello spirito.

Occorre forse conoscere e far conoscere, comprendere e far comprendere più a fondo e più capillarmente, a livello di diocesi. di prefetture, di parrocchie la figura del diacono e la realtà ormai quasi ventennale del Diaconato di Roma

Roma, 1 giugno 1999

alla pagina principale         al foglio informativo