Monsignor Giuseppe Marciante è il nuovo vescovo di Cefalù


Il Santo Padre Francesco ha nominato Monsignor Giuseppe Marciante, dal 2009 ausiliare per il settore Est della diocesi di Roma, vescovo di Cefalù. L’arcivescovo Angelo De Donatis, vicario generale di Sua Santità per la diocesi di Roma ha dato l’annuncio della nomina del Pontefice alle 12 di venerdì 16 febbraio, nell’Aula della Conciliazione del Palazzo Apostolico del Laterano, sede del Vicariato di Roma, in contemporanea con la Sala Stampa della Santa Sede. Erano presenti i vescovi ausiliari della diocesi, i parroci prefetti con molti sacerdoti e il personale del Vicariato di Roma.
Il vescovo Giuseppe Marciante è nato a Catania, il 16 luglio 1951. Ha compiuto gli studi filosofico-teologici presso lo Studio Teologico San Paolo di Catania.
Ha conseguito la Licenza in Missionologia presso la Pontificia Università Gregoriana. Ha ricevuto l’ordinazione presbiterale il 5 ottobre 1980, incardinandosi nell’arcidiocesi di Catania. Il 1° luglio 1993 si è incardinato nella diocesi di Roma. Nell’arcidiocesi di Catania è stato Vicario Parrocchiale di S. Maria in Ognina (1980-1986) e di S. Maria in Cibali (1986-1987). È stato poi parroco di San Giuseppe nella diocesi di Albano (1987-1989). Nella diocesi di Roma, infine, è stato parroco di Sa Romano Martire a (1989-2009), prefetto della XII Prefettura (1995-2009), membro del Collegio dei Consultori e del Consiglio presbiterale diocesano (2008-2009). Dal 1998 al 2009 è stato Assistente nazionale ecclesiastico dell’Associazione dei donatori di sangue Fratres. Nel 2001 è stato nominato cappellano di Sua Santità. Nominato vescovo titolare di Tagora e ausiliare di Roma il 1° giugno 2009, ha ricevuto la consacrazione episcopale l’11 luglio successivo.

Il vicario generale della diocesi di Roma, subito dopo aver annunciato la nomina di Papa Francesco, ha ricordato «gli anni belli e fecondi di ministero di don Giuseppe nella nostra Chiesa di Roma» partendo dall’esperienza di giovane parroco della comunità di San Romano Martire al Tiburtino: «Una parrocchia molto abitata che da oltre 20 anni svolgeva tutte le attività in un locale al piano terra di un popoloso palazzo di Portonaccio», dove don Giuseppe «si è rimboccato le maniche immediatamente e ha iniziato a vangare il terreno riattivando percorsi di spiritualità offrendo un forte accento di spiritualità biblica liturgica lavorando con le famiglie la comunità si è animata moltissimo in quegli anni». Quindi ha ripercorso i nove anni di episcopato di monsignor Marciante, dal 2009 a oggi, in cui ha ricoperto l’incarico di ausiliare per il settore Est della diocesi di Roma «il più popoloso della nostra città», ha aggiunto, incontrando e servendo «parrocchie con un’altissima densità di abitanti» e accogliendo «sfide delicate provenienti da realtà socialmente complesse».

Nel prendere la parola il vescovo Marciante ha ricordato anzitutto le figure che lo hanno «introdotto nell’esperienza romana»: monsignor Salvatore Boccaccio, il cardinale Ugo Poletti, il vescovo Enzo Dieci, don Luigi Di Liegro. Quindi il suo ricordo è andato al cardinale Camillo Ruini, «da cui ho imparato la pastorale dell’intelligenza», e al suo successore Agostino Vallini, «uomo concreto, da cui ho imparato il saper agire». Ora, ha aggiunto, «veniva il momento più bello con l’arcivescovo De Donatis ma il Signore mi vuole altrove». Infine, ripercorrendo con la memoria il suo cammino presbiterale, il presule ha ricordato i quattro Pontefici che lo hanno accompagnato. Paolo VI, il Papa «dei miei anni di seminario, anni fecondi di post concilio». Poi San Giovanni Paolo II, «con l’esperienza del Giubileo» e il «ricordo straordinario della sua visita pastorale a San Romano»; quindi Benedetto XVI, che «mi ha scelto per l’episcopato e con cui ho vissuto l’Anno della fede». Ora Francesco, «che mi ha scelto la sposa: finora sono stato fidanzato». Alla nuova “sposa”, la Chiesa di Cefalù, il primo saluto di monsignor Marciante: «Chiediamo al Signore che ci guidi con dolcezza», le parole del vescovo, che ha ricordato la professione dell’amore dell’apostolo Pietro a Gesù Risorto per ribadire la sua risposta alla chiamata ricevuta: «Per amore del tuo amore, prendo con me questo popolo che attende di essere amato».

«Adesso – ha concluso il vicario De Donatis rivolgendosi al vescovo Marciante – con la ricca esperienza maturata in questa Chiesa fai un altro esodo. Vai nella Chiesa di Cefalù, ti accompagniamo con il nostro affetto e con la nostra preghiera».